Le Strutture

Le chiese

Attività Socioassistenziali

Centro di Pastorale 

Oratorio

Asilo Santa Maria

Nel 1913 la Signora Baronessa Rossi Meloni Maria con il consenso del proprio marito, Barone Boj Antonio, nel mese di novembre istituisce a Guspini l’Asilo Santa Maria; il 5 dicembre, firma l’atto di donazione e fornisce i beni adeguati per la gestione. L’Asilo ha lo scopo di accogliere e custodire gratuitamente i bambini poveri e provvedere alla loro educazione: ne assume la direzione il Can. Pietro Mameli parroco di S. Niccolò, che ne scrive lo Statuto.
Nel 1914 il 26 ottobre, richieste dallo stesso Canonico Mameli, arrivano le Figlie di Maria Ausiliatrice, alle quali si affida la direzione dell’Asilo, che viene eretto in Ente Morale con R.D. del 22 novembre 1914.
Le suore, la cui prima direttrice è Sr. Celestina Mellana, coadiuvata da Sr. Ida Camporese, Sr. Guittini Angela Maria e Sr. Pozzi Assunta, iniziano la loro attività apostolica anche nell’oratorio festivo e offrono alle ragazze corsi di taglio, cucito e ricamo. Negli anni difficili della prima guerra mondiale si prodigano anche nell’assistenza economica e morale delle famiglie dei combattenti e degli orfani e riescono ad accattivarsi subito la simpatia e la benevolenza del paese.
Nel 1920 le suore sono invitate ad insegnare il lavoro nelle classi 5° e 6° delle scuole statali, ma sono oggetto di rappresaglie da parte di socialisti, dovute al particolare momento politico. A questo si aggiunge la minaccia della malaria, la povertà della casa e gli scarsi sussidi economici. Il Consiglio ispettoriale delibera il ritiro delle suore, poi l’appianarsi della situazione fa revocare la decisione e le suore rimangono. In questo anno entrano le prime due postulanti: Sr. Sanna Athalie e Sr. Spano Maria.
Nel 1921 viene costituito il Centro dei Cooperatori salesiani.
Nel 1924 si costituisce l’Unione ex-allieve.
Nel 1927 si ampliano i locali, ritenuti insufficienti per lo sviluppo delle opere.
Nel 1931 il Fascismo chiude l’Oratorio e il Circolo della Gioventù Femminile Cattolica Italiana, ma nello stesso anno si riapre con le denominazione di Associazione.
Nel 1942 si apre il laboratorio gratuito estivo e nel 1958 si inaugura ufficialmente la colonia marina di Arborea.
Dopo la seconda guerra mondiale l’edificio è pericolante e le suore vivono in uno stato di vera indigenza. Per continuare la scuola materna sono costrette a prendere in affitto le aule in una casa privata.
Nel 1960 la direttrice Sr. Pasqualina Argiolas con l’approvazione dell’Ente autonomo della Regione, avvia le pratiche per iniziare i lavori di ristrutturazione e di ampliamento e li porta a termine nel 1963.
Nel 1966 hanno inizio i Corsi di formazione professionale, sovvenzionati dal Ministero del Lavoro e si protrarranno con varie modifiche fino al 1998.
Nel 1970 riprendono i lavori di ampliamento di un’ala del fabbricato. I nuovi locali sono adibiti alla scuola materna, mentre gli altri sono destinati al centro di formazione professionale. Si costruiscono anche aule per la catechesi, un salone per l’Oratorio e alcuni cortili.
Nel 1989, ricorre il 75° anniversario di fondazione dell’opera. Si organizzano vari festeggiamenti nel mese di ottobre: sabato 7 si raduna il Comitato per gli accordi. Sabato 14 si tiene il ritiro per tutte le religiose della Diocesi con la Celebrazione Eucaristica presieduta da mons. Piergiuliano Tiddia e la conferenza di Sr. Marcella Farina sul tema: “La Mulieris Dignitatem interpella la vita religiosa; nel pomeriggio si inaugura la mostra religiosa fotografica preparata da suore, ex-allieve e cooperatrici. Domenica 15 ha luogo l’esibizione del gruppo folkloristico salesiano dell’oratorio di Selargius. Sabato 21 e domenica 22 ottobre le oratoriane si esprimono con diverse coreografie. Venerdì 27 si inizia il torneo di pallavolo e infine domenica 29 si svolge la festa conclusiva: la Celebrazione Eucaristica, le sfilata nel paese e il pranzo al ristorante con tutti gli amici e benefattori.
Nel 1992 le Figlie di Maria Ausiliatrice assumono la gestione diretta della scuola materna Santa Maria per delibera del Consiglio di Amministrazione dell’Ente Morale Asilo Santa Maria.
Nel 2002 la scuola acquista lo status di Scuola Paritaria.

Mensa

La mensa della Domenica è un’attività realizzata grazie all’Associazione San Nicolò Vescovo ONLUS. Il dono di un pasto a tutti coloro che ne fanno richiesta. È una risposta al bisogno alimentare che oggi è sempre più forte, essendo aumentato il numero di famiglie prive di lavoro e di ogni sostegno sociale. Attualmente ogni domenica vengono donati 90 pasti.

Casa Rut

Ogni giorno ci vengono elencate statistiche e ci vengono forniti dati quantitativi, sui maltrattamenti e sulle violenze subite dalle donne e dai loro bambini. "Uccide più del cancro. Fa più vittime di quelle registrate negli incidenti automobilistici. Provoca danni fisici e psicologici quasi sempre irreversibili". A soffrirne sono almeno un miliardo di donne nel mondo. In pratica una su tre, picchiate, stuprate, mutilate assassinate. Stando ai dati ISTAT, in Italia nel '99 714.000 donne tra i 14 e i 59 anni hanno dichiarato di aver subito uno stupro o un tentato stupro nel corso della loro vita.
Da un'attenta analisi del territorio del Medio Campidano, è risultato che non erano presenti case rifugio destinate all'accoglienza di donne e nuclei madre-bambino.
Si è reso quindi necessario creare una struttura che potesse affrontare in modo tangibile il problema emergente. La struttura, è sita nel Comune di Guspini, e viene messa a disposizione come valorizzazione dal partner del progetto, Parrocchia San Nicolò. Il progetto, estende il suo operato a tutto il Medio Campidano ed agli altri Enti che faranno richiesta del servizio offerto.
"Casa Rut" è quindi una Casa Rifugio di Pronta Accoglienza destinata ad ospitare donne in difficoltà. Il Progetto è stato presentato e finanziato nel 2006 dal fondo Otto per mille Italia ed è stato ri-finanziato nel 2007 nell'ambito di intervento della Prossimità. Questo progetto ha trovato pieno riscontro nella Legge Regionale N° 8 del 2007.
Casa Rut, è strutturata su due appartamenti:

Casa Rut, inoltre, è a misura di bambino, con giochi, libri di fiabe, peluche, tappeti e camerette allegre. I due appartamenti, hanno una funzione similare di base, ma si distinguono per tipologia:
un appartamento è destinato alla Pronta Accoglienza .
l'altro appartamento, è destinato ad aiutare la donna a completare il suo percorso verso l'autonomia, con la ricerca di un lavoro e di una casa.
L'Èquipé di Casa Rut, attualmente è costituita solo da professioniste donne ed è composta da: una Coordinatrice Pedagogista, una Psicoterapeuta, un Avvocato, un Medico, un'Assistente Sociale, un' Educatrice Professionale con Laurea, due Animatrici. Queste figure saranno coadiuvate dall'opera di diverse volontarie. 
Con l'Èquipé, la donna decide il suo percorso di non-violenza, definisce i termini per il reperimento degli strumenti da utilizzare e le risorse per l'acquisizione della propria autonomia.
Casa Rut offre inoltre, alle sue ospiti servizi di:

finalizzati a:

Pie Suore della Redenzione

Le Pie Suore della Redenzione sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio, presente anche a Guspini. La congregazione fu fondata da Anna Figus: visitando il reparto celtico della clinica dermosifilopatica di Cagliari, incontrò un gruppo di ex prostitute e iniziò a progettare un'opera per il loro recupero.

Gruppo Scouts

Associazioni

Associazione San Nicolò Vescovo ONLUS

L’Associazione San Nicolò Vescovo ONLUS organizza momenti di incontro e occasioni di socializzazione per promuovere e sostenere tutte le attività religiose, culturali e sociali tra le famiglie i giovani e gli anziani, al fine di renderli partecipi della vita sociale e culturale che si svolge intorno a loro.
Nell’anno 2009 ha preso in gestione la casa per ferie San Pancrazio di proprietà della parrocchia San Nicolò di Guspini con lo scopo esclusivo di renderla funzionale per le varie attività socio-educative del territorio.

Associazione Piccoli Progetti Possibili ONLUS

L'Associazione Piccoli Progetti Possibili ONLUS opera con lo scopo di concorrere a sradicare la povertà e garantire uno sviluppo equo e sostenibile delle popolazioni, rispettando le differenze culturali senza alcuna forma di discriminazione. In questo quadro realizza iniziative concrete per la tutela dei diritti fondamentali degli uomini e delle donne, secondo i dettami della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, delle Convenzioni e delle Raccomandazioni delle Nazioni Unite.

Associazione Difendiamo il creato ONLUS

L'Associazione ha in comodato d'uso i terreni della Parrocchia di San Nicolò Vescovo di Guspini, gestisce in particolare il terreno boschivo in località Monte Terramaistus esteso oltre 7 ettari che con il coinvolgimento dei giovani della parrocchia, in parte è stato reso fruibile alla comunità come parco.
Gli interventi di difesa del patrimonio ambientale affidatogli sono comunque indirizzati a promuovere una coscienza ecologica. A tal fine organizza momenti di incontro e occasioni di socializzazione. Promuove e sostiene attività di difesa e cura dell'ambiente che ci circonda, con particolare attenzione alle aree boschive, sia nelle iniziative rivolte all'educazione ed alla difesa ambientale.
A tutti gli associati viene richiesta una partecipazione attiva sia nella gestione dei beni concessi in comodato d'uso.
A tal fine si è realizzata con la collaborazione della Provincia del Medio Campidano, della Caritas Diocesana e del Comune di Guspini una Tavola Rotonda dal tema 'Incendi cosa fare?'.
Hanno dato il loro apporto anche l'Ente Foreste, la Protezione Civile, LAORE Sardegna, l'Università di Sassari e Nuoro; oltre agli addetti ai lavori si è coinvolta la cittadinanza ed una buona rappresentanza di giovani.
L'Associazione pur essendo stata costituita nel 2005 ha iniziato la sua reale attività nell'anno 2007.

Attività Culturali e Sportive